«Mogoro sta morendo»: é allarme disoccupazione.

Nel 2013 in 200 hanno perso il lavoro.
Il Comune: colpa dello Stato.


Duecento persone hanno perso il lavoro a tempo indeterminato nell’ultimo anno. Oltre ottocento sono disoccupati. «Mogoro sta morendo nell’indifferenza dello Stato». L’appello è del sindaco Sandro Broccia e del giovane assessore al Bilancio Federico Ariu. Quest’ultimo ha scritto una lettera al neo premier Matteo Renzi diventata un disperato grido d’aiuto: «Abbiamo 4 milioni di euro di lavori bloccati dal patto di stabilità, anche il lascito di un’anziana mogorese per la casa di riposo. E’ora di dire basta a questo assurdo vincolo».
I NUMERI. Sulla scrivania del primo cittadino e dell’assessore i numeri di una cittadina che rischia il collasso. «In 625 sono iscritti all’ufficio di collocamento sotto i 44 anni, che aumentano di 207 unità sotto i 55 – ha detto Ariu – dati preoccupanti per una comunità di 4.400 abitanti con 2.800 persone in età lavorativa». In 200 hanno perso un lavoro stabile nel 2013. Conti alla mano, mille fra disoccupati ed inoccupati, il 40 per cento dei mogoresi è senza lavoro. Non solo. L’assessore ha aggiunto: «È aumentato vertiginosamente il numero di famiglie che chiedono aiuti col programma per le povertà: 72 nel 2009, salite a 101 nel 2011 e a 110 lo scorso anno, mentre i fondi regionali diminuiscono».
I LAVORI. «Potremo dare una boccata d’ossigeno al settore edile e all’indotto con i lavori pubblici, ma non ci è permesso per il patto di stabilità», ha aggiunto il sindaco. Nelle casse comunali 4 milioni fermi: 400 mila euro per 4 alloggi a canone moderato, 300 per la casa di riposo, 200 mila per il salone delle ex elementari, 350 mila per la pista d’atletica, 310 mila per il mercato a chilometro zero nell’ex consorzio, 200 mila per l’ampliamento della zona artigianale, 350 mila per i danni dell’ultima alluvione. Un caso su tutti. «Le strade per Morimenta sono inagibili ed un’azienda con 1.200 pecore rischia di non vedersi più ritirato il latte perché il mezzo continua a riportare danni per le buche», hanno raccontato i due amministratori.
LA LETTERA. Il giovane assessore Ariu, che ha recuperato 3 milioni di euro di residui passivi nelle pieghe del bilancio, per poi vedersi bloccati i fondi, ha scritto a Renzi: «Solo la provincia di Olbia potrà spendere i soldi per i lavori di ricostruzione post-alluvione fuori dal patto di stabilità, nonostante le promesse dell’ex presidente Letta. Non lo trova vergognoso?».
Antonio Pintori

L’Unione Sarda
Mercoledì 12 Marzo 2014, Pagina 54

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...