Nuova vita per Cuccurada, il sito archeologico è realtà

MOGORO

Inaugurazione per uno dei monumenti megalitici più interessanti. Taglio del nastro dopo quasi vent’anni di lavori per la valorizzazione.

Cuccurada la nuovaCuccurada è. Con il gigante polilobato che ergendosi a guardia delle fertili vallate comprese tra il Rio Mogoro e il massiccio del monte Arci si candida ad essere uno dei monumenti megalitici più interessanti dell’intero patrimonio archeologico isolano. Per tutta una serie indicatori che vanno dal suo essere la summa di un larghissimo spazio temporale dove hanno lasciato tracce evidenti le culture che vi si sono succedute, partendo dal Neolitico finale (cultura di San Michele di Ozieri 3.200-2.800 a. C.) passando per l’eneolitico (cultura di Monteclaro) per attraversare le tre età del bronzo fino ad arrivare alla prima del ferro databile tra il 900 e il 730 avanti Cristo. Quindi, come ha osservato il sindaco Sandro Broccia nel suo intervento nella conferenza di inaugurazione, perché Cuccurada, nella sua tipologia architettonica, si distingue da tutti gli altri nuraghi dell’isola, visto che si sviluppa su un più antico nucleo a corridoio quando le tholos, ovvero le strutture a finta cupola erano ancora da venire.

L’inaugurazione, momento vissuto venerdì pomeriggio, è da inscrivere quindi a lettere di fuoco non solo nell’albo d’oro della cittadina, ma dell’intero patrimonio culturale dell’isola. Che da ieri, accanto ai luoghi sacri dell’epopea nuragica può ascrivere anche il bastione di Cuccurada che, austero e severo, domina l’intera piana del Campidano offrendo uno spettacolo mozzafiato.

Un’inaugurazione che arriva dopo diciannove anni di lavoro, visto che la prima delibera per la valorizzazione del sito archeologico risale al 28 giugno 1994, sotto il sindaco Nino Floris, a cui si sono succedute le giunte di Delfina Broccia, Gianni Pia e quella attuale guidata da Sandro Broccia; undici sono stati i cantieri di lavoro e l’impegno finanziario di Regione e Provincia è stato di due milioni e 305mila euro solo per gli interventi di scavo e ricerca scientifica.

«Una giornata speciale non solo per Mogoro e la comunità scientifica dell’isola, ma anche perché si è tradotto in realtà tangibile l’articolo 9 della Costituzione che tutela il paesaggio storico e artistico della nazione», ha sottolineato il primo cittadino, mentre l’assessore alla cultura Cristina Scanu poneva l’accento sulla necessità di fare sistema e di creare rete perché l’offerta turistica possa dirsi tale. Concetto questo ripreso anche dal dirigente della Direzione regionale ai Beni culturali, Casagrande.

Parte dalle memorie di ragazzino, quando sulla collina informe di Cuccurada ci si appostava per vedere le squadriglie dei bombardieri americani che attraversavano il Campidano, la storia del nuraghe ritrovato, valorizzato e reso fruibile, del professore Enrico Atzeni, radici mogoresi, che ha auspicato la continuazione delle campagne di scavo. Cosa questa augurata e confermata dagli archeologi Emerenziana Usai e Riccardo Cicciloni che permetterà ai visitatori di vedere i ricercatori delle antichità all’opera.

Antichità che fanno il pari con suggestione, come quella godibile nell’attraversamento della 131, con i fasci di luce che illuminano i bastioni di Cuccurada, descritta dal presiedente della provincia Massimiliano De Seneen. Che si auspica venga ripristinata.

Quindi il taglio del nastro inaugurale da parte del padre scientifico del sito archeologico, Enrico Atzeni, e la visita con le archeologhe Giuseppina Ragucci e Sanda Carta.
Tigellio Sebis

La Nuova Sardegna
Domenica 2 Giugno 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...