Politiche 2013 – parte 2 – il dinosauro

Riprendo il discorso da dove l’avevo lasciato nella Parte 1.
Quindi facciamo conto che io ti abbia già convinto che la mia opinione sull’argomento abbia qualche valore.
Tu la leggi e puoi decidere se condividerla o meno.
Il discorso si sviluppa di qui in avanti ad analizzare la proposta politica delle diverse coalizioni in gara per il ruolo di governo.

Il dinosauro

Siamo in campagna elettorale. Ti trovi tuo malgrado ad assistere a una serie interminabile di trasmissioni di approfondimento politico.
E’ come fare una gita nel giardino zoologico della politica italiana.
Ti aspetti di vedere il bestiario al completo, quindi non ti stupisci di trovare le solite acquile, i falchi, i somari, le capre, cani, porci, etc…
Poi immancabilmente ti imbatti in una bestia di dimensioni eccezionali che con la sua presenza domina tutto lo zoo.
Lo conosci, l’hai visto tante volte ma stvolta noti qualcosa che ti insospettisce.
A guardarlo meglio capisci anche il perchè, LUI non è un animale normale.
LUI è un dinosauro, l’ultimo esemplare rimasto in vita fino a oggi.

Ora si potrebbe far finta di nulla e goderci la nostra visita allo zoo.
Analizzeremmo le diverse bestie con le loro caratteristiche specifiche e i loro precipui comportamenti ma finiremo sempre per tornare pensare al dinosauro.

Il dinosauro

Insomma meglio affrontare subito l’argomento, il dinosauro c’è.
E’ un esemplare interessante, ci affascina per la sua inimitabile singolarità, per la sua brillante sfrontatezza.
Stavolta però occorre essere obiettivi, dobbiamo ammettere che il dinosauro non appartiene più alla nostra era per due principali motivi:
In primis il dinosauro è voracissimo, fagocita tutto quello che gli si para davanti. Amici o nemici è uguale, nessuno sopravvive al suo appetito e tutti servono allo scopo ultimo di alimentare il rettile, tenerlo in vita, farlo diventare più grosso e più forte di prima.
E soprattutto, il dinosauro vuole tenerci nella preistoria pur di non estinguersi. Il dinosauro sa che la sua era è agli sgoccioli, dovrebbe accettarlo e farsi da parte ma l’istinto di sopravvivenza prevale.

A questo punto dovresti aver capito che il dinosauro è LUI.
Quel LUI che ha un figlio che si chiama PierLUI.
Quel LUI che ha una squadra di calcio in serie A, le TV, i soldi e tutto il resto.
Quel LUI che dopo aver invaso per vent’anni il paese, le istituzioni, i media, dopo averci costretto a parlare di LUI, delle sue vicende, delle sue aziende, e via dicendo, è ancora qua a ripeterci immutate le stesse promesse.
Quel LUI che è l’unico legante che tiene insieme una banda di avidi opportunisti creata a sua immagine e somiglianza e battezzata in spregio a ogni pudore, Popolo della Libertà.
Di LUI ormai sappiamo tutto, ogni ulteriore parola è superflua.
Osservalo ma non cadere nell’errore di ascoltare ciò che dice.
Ha dichiarato e dichiarerà ogni cosa e il suo contrario, di modo che tu possa sempre trovare quella sua affermazione che rafforza le tue convinzioni, qualunque esse siano.

Forse anche TU hai votato per LUI.
Nella solitudine della cabina elettorale hai deciso di credergli.
Tutti facciamo degli errori nella vita e non tutti i mali vengono per nuocere.
Ma oggi non è più tempo di cazzeggiare.
Oggi esistono solo tre categorie di persone che voteranno per LUI.

– La prima è quella degli ingenui,
– la seconda è quella dei furbi,
– la terza è quella degli imbecilli.

Tu, sei un ingenuo?
Credi
davvero di fare un bene per la comunità votando per LUI.
Credi che questa volta farà la cosiddetta rivoluzione liberale che non è mai riuscito a fare (ma ci ha provato?).
Credi che la magistratura lo perseguiti e non ti accorgi che con questo alibi LUI ha licenza di fare ciò che vuole, pro o contro la legge.
Credi sul serio che la sua ricchezza sia lecita e non creata abusando di posizioni dominanti sul mercato ottenute con il favore di politici compiacenti.
Credi in LUI e questo ti basta.

Sei un furbo?
Sai
che LUI è l’unico che ti può togliere quella tassa ingiusta che hai dovuto pagare a causa dei governi succubi dei mercati, dell’Europa, della Germania, della casta drogata di spesa pubblica.
Sai
che LUI è quello che farà il condono, quello che metterà a posto quelle piccole furbate che hai già fatto. Perchè diciamolo anche TU, come LUI, nel tuo piccolo sei abile a curare i tuoi affari. Il Fisco, il Piano Regolatore, la Legge, ti ostacolano ingiustamente.
Sai
che LUI ti darà subito in contanti quei pochi spiccioli di imposte che hai pagato e non ti importa se per farlo i tuoi figli dovranno rinunciare a conoscere un paese in cui tutti i cittadini nascono uguali, hanno diritto allo stesso modo a realizzarsi nello studio e nel lavoro, a curare le proprie malattie, a vivere una vecchiaia serena.

O sei un imbecille?
Voti
, per LUI, chiaro. Voti, per LUI perchè LUI è LUI.
Non si discute, come non si discute con gli imbecilli.
Ciò che mi stupisce è che TU abbia letto fin qua,
ma se sei veramente imbecille, TU non sai di esserlo,
pensi di appartenere a una delle categorie di sopra.

O nessuna delle tre?
Insomma, TU da che parte stai?

Continua…

[ Qui la parte 3, Quella in cui l’autore si accanisce contro le persone che non vanno a votare o annullano la scheda piuttosto che scegliere quale parte sostenere]

[ Ma hai già letto la parte 1? Quella in cui l’autore cerca di ingraziarsi le simpatie del lettore e di accreditarsi quale esperto di politica, al solo fine di invogliarlo a leggere le parti seguenti in cui cercherà, subdolamente, di influenzare la sua intenzione di voto. ]

Annunci

2 risposte a “Politiche 2013 – parte 2 – il dinosauro

  1. Presto la prossima parte!

    Mi piace

  2. Assolutamente condivisibile tutto ciò che ho letto finora…
    A quando la terza puntata?
    Sono curiosa di continuare il tour allo zoo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...