Almanacco: Maggio 2011

Giovedì 26 Maggio, 2011.
Buon giovedì a tutti. Oggi si festeggia San Filippo Neri (1515-1595). Per molti potrà essere un estraneo ma, leggete queste righe e capirete che sarà uno di voi. La sua storia vi rimarrà nel cuore.
Filippo nacque a Firenze il 21 Luglio 1515. Si trasferì ancora molto giovane a Roma che, in quel tempo era una città corrotta e pericolosa, e decise di parlare del messaggio di Gesù. Cominciò a vivere come eremita fra le strade di Roma, dormendo sotto i portici delle chiese o in ripari di fortuna. Incontrava spesso giovani che lo prendevano in giro, che lo deridevano, ma Filippo non si faceva sfuggire l’occasione e, unendosi alla comitiva, li conquistava con la sua simpatia. Iniziava con una barzelletta e con qualche gioco, poi si improvvisava predicatore dicendo: “Fratelli, state allegri, ridete pure, scherzate finchè volete, ma non fate peccato!”. Radunava attorno a se ragazzi che vivevano per la strada, facendoli divertire, cantando e giocando con loro e insegnando loro qualche semplice preghiera. Adottò quello che poi  diventerà il suo metodo educativo, cioè accompagnare i ragazzi a crescere attraverso la gioia: passeggiare, cantare, suonare, giocare, visitare opere e luoghi d’arte… Memorabili i suoi detti umoristici e giocosi, quali ad esempio: “State buoni se potete”, o “Ma và a morì ammazzato… per la fede!” che gli meritarono il soprannome  di “Santo della gioia” o “buffone di Di0”. Il 23 Maggio divenne sacerdote e molti giovani che andavano da lui a chiedere il perdono diventarono preti a loro volta e vollero rimanere con lui. Filippo ebbe un’idea straordinaria: fondare un oratorio secolare. Qui potevano venire tutti: preti, laici, nobili, poveri, anziani, giovani, e tutti si sentivano a loro agio. San Filippo Neri morì quasi sorridendo il 26 Maggio 1595.

Martedì 24 Maggio 2011.
Buon pomeriggio a tutti. Oggi si festeggia la Madonna Ausiliatrice “Auxilium Christianorum” “Aiuto dei Cristiani”. Maria è la “Madre della Chiesa”; Ausiliatrice del popolo cristiano nella sua continua lotta per la diffusione del Regno di Dio.

SETTIMANA DI VITA PARROCCHIALE
Lunedi:
h.18.00 S. Messa def. Floris Antonio e Claudina, def. Scanu Antonio, Giovanni e Barbara.
Martedì:
h. 8.00 S. Messa def. Cau Mario, Assunta e fam.
h. 18.00: S. Messa def. Piras Giuseppe e fam.
Mercoledì:
h. 18.00 S. Messa def. Casu Alfio, Stefana
h. 19.00 Rosario nella casa di Cuccu Giulia, Via Roma 74
Giovedì:
h. 18.00 S. Messa Pitzalis Simeone, Luigi, Giuseppe, Efisia
Venerdì:
h. 8.00 S. Messa def. Casu Mario
h. 18.00 S. Messa def. Ariu Pietrino, Efisia, Mario
Sabato: 
h. 18.00 S. Messa
Domenica:
h. 8.00 S. Messa def. Siuni Efisio, Rosa, Luciano
h. 9.30: Pro Populo
h. 11.00: S. Messa PRIME COMUNIONI
Auguri a tutti i bambini e ai genitori. Un ringraziamento particolare alle catechiste che con tanta buona volontà, tanto sacrificio e immensa pazienza, hanno cresciuto cristianamente questi ragazzi.

PREPARAZIONE PRIME COMUNIONI:
Ragazzi:
Martedì, Giovedì, Venerdì  h. 16.30
Genitori,
Confessioni: Giovedì h.10.00 e ore 18..30 – Sabato h. 10.00
Benedizioni Pasquali: (h.20.00)
Lunedì :
Fam. Loi Marisa, Vico III Cervi
Martedì :
Fam. Melis Franco, Via Lussu, 93
Mercoledì :
Fam. Melis Orrù Manuela, Via Oristano, 14

DOMENICA 5 GIUGNO
Per chi volesse accompagnare Don Corrado nella sua nuova parrocchia e’ disponibile un Autobus per Villacidro.
La partenza è prevista per le ore 17.00 da S’ecca Matteddu.
Rivolgersi ad Anna Foddi.

Sabato 21 Maggio 2011. Buon pomeriggio e buon San Bernardino a tutti i mogoresi. In questi giorni Mogoro è in festa per il suo patrono, sempre accompagnato da lunghe processioni nelle vie del paese dove i fiori adornano le strade. Lunghi cortei accompagnano il Santo, costumi folkloristici, la fisarmonica, banda musicale, cavalieri al trotto con splendidi esemplari anch’essi ornati a festa. E il Santo portato a spalla dai confratelli che numerosi cantano e pregano. Lungo le strade profumo di gigli e dalle finestre profumo d’arrosto. E’ proprio la festa del nostro patrono che ci avvolge d’atmosfera festosa.

Bernardino (1380-1444) nacque a Massa Marittima da una nobile famiglia senese. Rimasto orfano dei genitori in giovane età fu allevato da due zie. Frequentò lo studio senese fino all’età di 22 anni quando vestì l’abito francescano. Egli divenne uno dei principali protagonisti della riforma dei francescani osservanti. Fu il banditore della devozione al Santo nome di Gesù e ne faceva incidere il monogramma “YHS” su tavolette di legno che dava a baciare al pubblico al termine delle prediche. I suoi discorsi furono stenografati con un metodo di sua invenzione da un discepolo, discorsi in volgare di Bernardino sono giunti fino a noi.
Anche dopo la sua morte avvenuta nella città dell’Aquila, Bernardino continuò la sua opera di pacificazione. Era infatti giunto morente in questa città e non potè tenervi il corso di prediche che si era prefisso. Persistendo le lotte fra le opposte fazioni, il suo corpo dentro la bara cominciò a versare sangue e il flusso si arrestò soltanto quando i cittadini dell’Aquila si riappacificarono. I frati che lo accompagnarono vollero riportare la salma a Siena, ma gli aquilani accorsi in massa lo impedirono, concedendo solo gli indumenti del frate, oggi conservati nel Convento della Capriola a Siena. Nelle città dov’era vissuto furono costruiti celebri oratori, Chiese e Mausolei, come quello dell’omonima chiesa dell’Aquila (oggi semidistrutta dal terrificante terremoto di due anni fa) dove riposa. San Bernardino è compatrono di Siena, Massa Marittima, di Perugia e dell’Aquila. Anche una città californiana prende il suo nome. E’ invocato contro le emorragie, la raucedine e le malattie polmonari.

Lunedì 16 Maggio 2011.
Buon pomeriggio a tutti. Oggi festeggiamo Sant’Ubaldo di Gubbio (1084 – 1160). Figlio di nobile famiglia, rimase ben presto orfano di entrambi i genitori. Fu allevato da uno zio che curò la sua educazione sia religiosa che intellettuale. Ordinato sacerdote nella sua città, grazie alle sue virtù, iniziò ad essere conosciuto anche al di fuori della sua città tanto che presto divenne vescovo. Egli però era schivo di tanto onore e si recò a Roma dal Papa per chiederne la grazia ed essere esonerato da tale incarico. Governò la città di Gubbio per ben 31 anni dove superò felicemente avversità ed ostacoli.
Ogni anno Gubbio festeggia Sant’Ubaldo con solenni riti religiosi attraverso manifestazioni all’aperto che uniscono fede, gioia e fantasia: notissima la “corsa dei ceri”, nel quale si attraversano le vie della città a passo di corsa per poi arrivare sul monte Ingino, luogo che custodisce i resti del Patrono.

SETTIMANA  PARROCCHIALE
Lunedì 16: h. 18.00 S. Messa def. Simeoni Daniele, Enrica, def. Grussu Maria, Davide.  –  h. 19.00: Rosario nella casa di Grussu Matilde, via Lussu, 105   –
h. 19.00 Incontro genitori 1° Comunione in chiesa
Martedì 17: h. 18.00 def. Locci Bernardino, Giuseppina, Aldo
Mercoledì 18: h. 11.00  Discesa del Santo
h. 18.00: S. Messa def. Ottavio Teresa e Bernardino,
Giovedì 19 h. 18.00 def. Corda Bernardino
Venerdì 20: Festa di San Bernardino
Orario delle SS. Messe: 8.00 – 9.15  11.00
Sabato 21: Festa di San Bernardino
Orario SS. Messe: 8.00  –  11.00
Domenica 22: h. 8.00 s. Messa S. Rita
h. 9.30: pro populo
h. 11.00 Sposi Virginia e Stefano (Auguri!)

Venerdì Festa del Patrono h. 10.00 processione: Percorso tradizionale e S. Messa solenne.
Sabato h. 10.00 processione.
percorso: Chiesa Parrocchiale, Piazza Giovanni XXIII, Via A. Gramsci, Chiesa S. Antioco, Via A. Gramsci, Viale Trieste, Via S. Ignazio da Laconi, Via S. Antonio, Via S. Bernardino, Via L. Fois, Via G. Deledda, Via P. M. Kolbe, Via G. Cavallera, Via A. Gramsci, P.zza Giov. XXIII, Chiesa Parrocchiale, Messa Solenne.

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE h. 20.00
Lunedì: Fam. Boi Tana, Vico IV Gramsci – Fam. Lilliu Tore, Via Sapano, 48
Mercoledì Fam. Ariu Cesaria Via Fermi 5/a – Fam. Serra Paolo, Via Tuveri, 28

Mercoledì 11 Maggio 2011.
Buon pomeriggio di primavera.
Oggi vi parlo di un Santo tanto amato da noi sardi. La gente lo chiamava “Padre Santo”, “Santo Vivente” e la nostra scrittrice, premio Nobel, Grazia Deledda lo definì “L’uomo più ricordato del Settecento sardo”.
Parlo di Sant’Ignazio da Laconi.
Nacque secondo di nove figli, da genitori poveri ma ricchi di fede, al battesimo gli imposero il nome di Vincenzo. Non frequentò scuole e non imparò mai a scrivere ma andava ogni giorno a Messa e faceva il chierichetto. Era di poche parole, molto timido, e quelle poche erano in dialetto. A diciotto anni si ammalò gravemente e fece voto di entrare nei cappuccini se fosse guarito.  Risanato, mantenne il suo voto; due anni dopo prese il cavallo, d’un tratto l’animale si mise a correre sfrenatamente ma ai bordi di un precipizio si bloccò: Vincenzo fu salvo per la seconda volta. A vent’anni si presentò al convento dei cappuccini di Buoncammino a Cagliari prendendo il nome di Fra’ Ignazio da Laconi. Per quindici anni visse tra i conventi sardi di Domusnovas, Sanluri, Oristano e Quartu, poi tornò a Buoncammino. Aveva tanto amore per i poveri, fu venerato da tutti per lo splendore delle sue virtù  e per i molti miracoli da lui operati. Divenne cieco ma continuò la sua opera di questue e di bontà. Morì all’età di 80 anni e per due giorni una folla inesauribile di popolo e persone importanti sfilò davanti al feretro per rendergli omaggio.  Dopo la morte i suoi miracoli erano sempre più frequenti e presto iniziò la causa di beatificazione. Alla cerimonia a Roma fu presente un altro questuante dello stesso convento: Fra’ Nicola da Gesturi.
S. Ignazio da Laconi, umile frate sardo mendicante e illetterato è considerato il patrono degli studenti.

Decessi: Un profondo saluto alla mia vicina Signora Zelinda Ghiani .
Oggi, dopo lunghe sofferenze, il Signore le ha concesso il sonno eterno. Un abbraccio alla famiglia.

Domenica 8 Maggio, 2011.
Buona Domenica a tutti. Oggi si festeggia la Vergine di Pompei, ma in tutto il mondo vi è una festa che ci accomuna: la festa della mamma.
In Italia viene festeggiata la seconda domenica di maggio : è una festa molto antica legata al culto della divinità e della fertilità. Negli Stati Uniti questa festa venne istituita come momento di riflessione contro la guerra. Nel 1914 fu ufficializzata come espressione pubblica di amore e gratitudine per le madri e speranza di pace.
“E il cuore quando d’un ultimo battito avrà fatto cadere il muro d’ombra,
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.
In ginocchio, decisa, sarai una statua davanti all’Eterno,
come già ti vedeva quando eri ancora in vita.
Alzerai tremante le vecchie braccia,
come quando spirasti dicendo: Mio Dio, eccomi.
E solo quando m’avrà perdonato, ti verrà il desiderio di guardarmi.
Ricorderai d’avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro”
(G. Ungaretti)
Auguro a tutte le mamme una lunga vita accanto alle creature che il Signore le ha donato.

Sempre oggi, Domenica 8 Maggio, festeggiamo Sant’Antioco, patrono della Sardegna.
Mogoro lo ricorda e lo festeggia. Sapete perchè la sua festa non ha mai la stessa data? Perchè le sue spoglie vennero ritrovate 15 giorni dopo la Pasqua di resurrezione. La tradizione ci racconta che Sant’Antioco nacque in Mauritania dove svolse la professione di medico. Si spostò in Capadocia regione in cui convertì tante persone al Cristianesimo. Per ordine dell’Imperatore Adriano venne arrestato,  torturato ed esiliato a bordo di una barca affinchè la sua vita ebbe fine in mezzo al mare. Il vento di levante lo spinse verso l’isoletta del Sulcis dove trovò riparo in una grotta praticando in essa l’evangelizzazione della popolazione indigena.
Venne denunciato alle autorità cagliaritane  che inviarono i soldati ad arrestarlo, ma prima di essere catturato morì in preghiera.
Il vento proveniente dall’Africa tutt’ora soffia nei giorni in cui si tiene la festa come a voler celebrare il suo ricordo.

Lunedì 2 Maggio 2011. Si annuncia un pomeriggio piuttosto ventoso. Oggi si festeggia Sant’Atanasio Vescovo e Dottore della Chiesa, il più celebre tra i vescovi alessandrini. Don Corrado puntualissimo mi ha inviato gli appuntamenti della settimana parrocchiale. LUNEDI’ h. 18.00 S. Messa def. Ariu Isabella XXX° e Francesco, def. Podda Carmine MARTEDI’ h. 18.00 S. Messa def. Orrù Chiara XXX°, def. Melis Concetta XXX° MERCOLEDI’ h. 18.00 S. Messa def. Curreli Don Piergiorgio, Saba Iolanda GIOVEDI’ h 18.00 S. Messa def. Maccioni Orlando, sr. Giuditta suora giuseppina VENERDI’ h. 8.00 S. Messa def. Peddis Giuseppe, h. 18.00 S. Messa def. Oldani Carlo XXX° SABATO: h. 18.00 S. Messa def.  Melis Bernardino XXX° DOMENICA :FESTA DI SANT’ANTIOCO h. 8.00 S. Messa def. Pascalis Orfeo, h. 9.30 def. Melis Teresa, Amedeo, h. 11.00 S. Messa Pro Populo. Tutti i giorni la novena in onore di S. Antioco. Martedì: Ufficio parrocchiale ore 9.30, h. 19.00 La catechesi familiare per i genitori ed i ragazzi delle scuole medie. Mercoledì: 15.30 Catechismo 1° Gruppo, h. 16.30 2° Gruppo,   h. 18.30 Rosario nella casa di Petza Caterina. BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE: (h. 20.00 circa ) LUNEDI’ fam. Coni Anna, Via S. Ignazio, 5  –  fam Piras Sergio, Via S. Antonio 22 GIOVEDI’ fam. Cannas Dino, Via Cavallera, 12 – fam. Porceddu Temistocle, Via Martini, 59 PROCESSIONE SANT’ANTIOCO h. 10.15: Chiesa S. Antioco, Via A. Gramsci, Via C. Goldoni, Via G. Manno, Piazza del Popolo, Via Roma, Via G. Deledda, Via P. M. Kolbe, Via Nuova, Via A. Gramsci, Parrocchia, Santa Messa h. 11.00.

Domenica 1 Maggio 2011.
Buon giorno!


PROSSIMI EVENTI


Almanacco di mogoresbook | Maggio 2011 a cura di Manuela Orrù

Notizie, avvenimenti ed eventi mogoresi da leggere per sentirsi coinvolti nella vita del paese, da vicino o da lontano. Informeremo di nascite, decessi, matrimoni, lauree, feste religiose, ricorrenze particolari, eventi di interesse pubblico e altro.

  • Nascite: se ci informerete, saremo ben lieti di pubblicare il nome e, se volete, la foto del piccolo con mamma e papà.
  • Matrimoni: comunicateci le date del vostro matrimonio e saremo ben felici di annunciarlo!
  • Lauree: volete condividere il vostro successo nello studio? Comunicateci la data, e se volete il tema della vostra tesi,  noi lo pubblicheremo con i nostri migliori auguri per un eccellente futuro.

Se vuoi segnalare un evento compila il form:


Questa rubrica è  curata da Manuela Orrù. Manuela vi ricorda che offre tutta la competenza, l’umanità e il rispetto della sua agenzia nel caso vi troviate nella spiacevole condizione che venga a mancare un vostro caro. Tramite il sito Internet Onoranze Funebri Excelsior potete inviare un messaggio di cordoglio ai congiunti del defunto, il vostro pensiero sarà raccolto, stampato su carta pergamena e recapitato gratuitamente.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...